Guida all'analisi dei competitor online: come studiare i concorrenti per superarli

Marketing e SEO

18 Giugno 2021

Tutti vogliamo che la nostra attività sia presente nella prima pagina di Google per avere un vantaggio competitivo nel web, ma lo spazio è ridotto.

Sappiamo bene quanto sia frustrante cercare il proprio prodotto o servizio sui motori di ricerca e vedersi superati dal solito concorrente che magari opera da meno tempo nel nostro stesso settore. E’ evidente che sta facendo qualcosa in più o meglio di noi.

Per cercare di essere un passo avanti alla concorrenza, la strategia migliore è...analizzarla!

Per farlo è importante:

  • sapere che cos’è l’analisi dei competitor e a cosa serve
  • perché è bene analizzare la concorrenza online in modo continuativo
  • individuare i competitor reali nel web
  • conoscere quali parametri controllare
  • definire le parole chiave corrette e usarle
  • sapere perché la ricerca delle keyword va fatta costantemente
  • capire quale strategia usano i competitor per i loro investimenti online
  • controllare le mosse della concorrenza sui social media
  • scoprire la loro strategia di link building.

Che cos’è l’analisi dei competitor

Analizzare i competitor sul web significa individuare quali sono i siti “rivali” che hanno ottenuto un posizionamento migliore nel motore di ricerca e scoprire:

  • come e in quali Paesi generano traffico organico e a pagamento
  • le keyword che li portano a generare maggiore traffico organico e che utilizzano negli annunci
  • le pagine che presentano i migliori contenuti e che attraggono il maggior numero di visitatori
  • le loro tattiche pubblicitarie
  • le loro prestazioni sui social.

A cosa serve l’analisi dei competitor

Dopo aver compreso che cos’è e l’importanza di effettuare l’analisi dei competitor è fondamentale sapere a cosa serve.

Conoscere i tuoi concorrenti nel web ti serve per capire e individuare:

  • quali sono le strategie che stanno mettendo in atto
  • le migliori pratiche da seguire
  • gli errori da evitare
  • il pubblico da intercettare
  • se ci sono nuovi siti concorrenti.

Hai mai dedicato tempo all’analisi dei competitor? Ti sei mai chiesto cosa sta facendo la tua concorrenza online? Quale strategia stia adottando, cosa porta traffico al loro sito e soprattutto lead?

Analisi della concorrenza: perché farla in modo continuativo

È molto probabile che i tuoi principali concorrenti siano ancora gli stessi di quando hai pensato la tua strategia di marketing, ma le loro posizioni nel web e la situazione generale del mercato possono essere mutate nel corso del tempo facendo ottenere a loro risultati migliori.

Non basta fare l’analisi della concorrenza prima di pensare la tua campagna di marketing e poi non ritornarci più. Analizzare i tuoi rivali continuamente ti permette di non sprecare tempo e soldi.

Questo è un aspetto che bisogna considerare ed è fondamentale saperlo per comprendere come i tuoi competitor hanno ottenuto le prime posizioni e come puoi perfezionare la tua strategia di marketing per raggiungerli o addirittura superarli.

Ecco i motivi principali per controllare regolarmente la tua concorrenza:

  • capire se i tuoi competitor stanno ottenendo risultati migliori ed eventualmente rivedere la tua strategia
  • stare al passo con le tendenze del settore e del mercato
  • aggiornare il tuo marketing mix: dall’analisi delle campagne di marketing digitale ad esempio puoi ricevere alcune importanti notizie sui tuoi concorrenti, come il lancio di un nuovo prodotto, e ottenere nuove idee per la tua azienda
  • perfezionare i tuoi obiettivi: poiché le regole nel mercato online evolvono di continuo, potrebbe essere necessario modificare non solo la strategia, ma anche gli obiettivi stabiliti in partenza. Non farti trovare impreparato!

Individuare i competitor reali nel web

In un primo momento potrebbe sembrarti evidente chi sono i tuoi principali competitor, ma sono gli stessi che poi si posizionano con le tue parole chiave?

Potresti scoprire che i tuoi competitor online sulle pagine di ricerca di Google non sempre coincidono con quelli reali. Hai mai provato a fare una ricerca per parole chiave e vedere chi risulta insieme a te nei risultati organici (esclusi cioè gli annunci pubblicitari)?

Probabilmente scoprirai di avere nel web concorrenti diretti e indiretti - quelli che forniscono le tue stesse soluzioni (o soluzioni simili) al tuo stesso pubblico (o a un pubblico simile). Ma potresti avere anche un altro gruppo di rivali, ovvero tutti quei brand che vogliono conquistare i tuoi stessi utenti. Non è necessario che vendano un prodotto o servizio simile al tuo, ma cercano di attirare la loro attenzione.

Grazie al tool SemRush possiamo scoprire velocemente chi sono i tuoi competitor organici, ci basterà inserire il tuo dominio. Ad esempio abbiamo inserito il dominio ikea.com e abbiamo trovato competitor che non ti saresti mai aspettato! 


Ma poi vorresti conoscere quanto traffico organico e a pagamento stanno generando i tuoi correnti in Italia o anche in altri Paesi?

Scopriamo insieme alcuni parametri da osservare per fare un’analisi della concorrenza efficace.

Keyword, annunci, social media, backlink: i 4 aspetti da controllare

Una volta che hai individuato i tuoi competitor nel web bisogna comprendere come si muovono online e come comunicano. In poche parole devi capire la loro strategia.

Per farlo ci sono strumenti molto utili, come ad esempio SemRush, che forniscono ottimi indizi riguardanti:

  1. Parole chiave
    Per quali parole chiave sono posizionati i competitor? Sono le stesse che stai utilizzando anche tu? Ci sono delle parole chiave che non avevi considerato in fase iniziale ma che sulle quali il competitor si sta focalizzando? Hanno aggiornato le loro parole chiave di recente? Utilizzano parole chiave generiche o a “coda lunga”? Sono posizionati con keyword anche in Paesi diversi dall’Italia?

  2. Annunci
    Hanno aggiunto una nuova pagina di atterraggio? mettono in primo piano delle promozioni? Questi annunci sono sempre attivi oppure solo in determinati periodi? Si può evincere una strategia più orientata a ottenere il contatto di una persona oppure più orientata alla vendita? Si promuovono in un determinato Paese o regione? Hanno creato una landing page specifica per quegli annunci?
  3. Social media
    Quali piattaforme stanno utilizzando? Il loro pubblico è aumentato o diminuito? Con quale frequenza pubblicano i post? Come comunicano?
  4. Backlink
    Chi linka i contenuti del tuo competitor? E’ una fonte autorevole oppure no? Quanto traffico, menzioni e condivisioni ha ricevuto un determinato post?

Parole chiave: cosa sono e quali ci siamo persi

Le parole chiave sono i termini che gli utenti digitano nella barra di ricerca di Google per cercare un’azienda, un prodotto, un servizio o semplicemente informazioni in merito ad un argomento specifico.

Il rischio di non prendere in considerazione alcuni termini è proprio dietro l’angolo, magari perché in quel momento non li ritenevi interessanti o non importanti. E se questi termini li sta usando proprio il tuo competitor?

Per questo è’ necessario capire quali sono le parole chiave che utilizzano i tuoi rivali, capire se sono pertinenti con il tuo prodotto o servizio, valutare se integrarle all’interno della tua strategia SEO.

Grazie al tool SemRush possiamo andare a confrontare le parole chiave utilizzate, confrontando due o più domini, permettendoci di identificare:

  • parole chiave per le quali il competitor si posiziona e noi no
  • parole chiave che noi presidiamo ma il competitor no
  • parole chiave che entrambi utilizziamo

Ovviamente quello che più ci interessa è il primo punto: quali sono le parole chiave che non abbiamo preso in considerazione?

Il passo successivo sarà quindi capire se quei termini hanno un alto potenziale per la tua azienda, analizzandone i volumi di ricerca. Perché non sfruttarli per ottenere un posizionamento nel web e battere i tuoi competitor?

Scegliere le giuste parole chiave non è semplice per questo è necessario tenere monitorate quelle per cui si posizionano i competitor nei risultati di ricerca ed eseguire una ricerca in modo continuativo.

Se i tuoi concorrenti ti superano nella ricerca organica con le keyword che non hai preso in considerazione, potrebbero anche ottenere più clic, generare più lead e guadagnare di più.

Perché la ricerca delle keyword dovrebbe essere continuativa?

La ricerca di parole chiave dovrebbe essere svolta regolarmente perché:

  • le parole chiave cambiano: esistono diversi modi per dire la stessa cosa;
  • il tuo pubblico cresce ed evolve e il modo in cui le persone usano i motori di ricerca cambia nel tempo;
  • anche i motori di ricerca si evolvono, gli algoritmi diventano più complessi per comprendere meglio i contenuti e interpretare in modo più preciso le intenzioni degli utenti;
  • bisogna continuare ad aggiornare i contenuti affinché siano sempre pertinenti per la tua buyer persona di riferimento.

Traffico a pagamento: cosa imparare dai competitor

Non esiste ancora una formula universale per il successo nella pubblicità. Tuttavia, c'è sempre qualcosa da imparare e per prima cosa, indovina un po’, controlliamo cosa fa la concorrenza, capiamo quali sono i loro punti di forza e di debolezza e agiamo di conseguenza osservando le loro strategie, su quali parole chiave stanno facendo offerte e in quali Paesi e quali tipi di annunci adottano in modo da capire quali evitare e cosa potresti aver sottovalutato.

Questo perché i tuoi annunci vengono visualizzati vicini a quelli dei competitor ed è proprio in questo frangente che devono essere quanto più persuasivi e pertinenti possibili, in uno spazio molto ridotto. Come fare?

Ecco alcune domande a cui potresti provare a rispondere:

  • qual è il loro obiettivo principale? Incrementare il traffico al sito, la raccolta di contatti o l’acquisto sul sito?
  • che leve di marketing stanno utilizzando?
  • propongono delle promozioni esclusive? Quali? Sconti o coupon?
  • che servizi o prodotti spingono maggiormente?

Controllare le mosse della concorrenza sui social media

Elaborare una strategia social efficace può essere complicato ma guardando gli account dei tuoi competitor e studiandone i contenuti puoi trovare ottimi spunti e idee su come migliorare il tuo attuale piano editoriale o come crearne uno.

L’elenco delle cose da fare comprende:

  • trovare chi è presente e attivo sui social network
  • determinare quali piattaforme sta utilizzando
  • vedere se il loro pubblico è aumentato o diminuito
  • scoprire quale tipo di contenuto ha pubblicato e con quale frequenza
  • vedere se ci sono post promozionali
  • analizzare come comunicano se c'è qualcosa di nuovo da sfruttare
  • trovare menzioni su Web, forum, Twitter o Instagram.

Backlink: cosa sono e perchè monitorare quelli dei competitor

I backlink sono collegamenti da fonti di terze parti che puntano a una pagina del sito del tuo competitor.

L’analisi dei link che rimandano al sito di un concorrente è un altro fattore fondamentale da tenere in considerazione: non solo perchè i link (di qualità) sono in grado di influenzare positivamente il ranking di un sito web e aumentare il traffico, ma anche perché un articolo con link al proprio sito contribuisce ad aumentare la propria brand awareness.

Dal lato del motore di ricerca, costruire una link building efficace rappresenta un segnale che il tuo sito è “di riferimento” in relazione a un determinato argomento e che merita di essere visto dai visitatori.

Quindi i backlink sono importanti perché:

  • incrementano il posizionamento organico: essendo che il motore di ricerca vede i backlink come un voto di fiducia, più voti ricevi da siti di qualità del tuo settore di riferimento più sali in alto nella SERP;
  • aiutano il motore di ricerca a scoprire i tuoi contenuti prima in quanto i search engine visitando le pagine più popolari spesso avere dei backlink da quelle pagine favorisce l’essere trovati prima;
  • aumentano il traffico: quando qualcuno cliccherà il link al tuo sito otterrai maggiore traffico.

Grazie a Semrush possiamo scoprire la strategia di link building dei tuoi competitor e come migliorare la tua.

Se vuoi migliorare il tuo posizionamento in ottica SEO, controllare continuamente cosa fanno i tuoi competitor online e scoprire nuove opportunità è un buon punto di partenza. 

Non sai ancora come i competitor si muovono online e come si relazionano con il loro pubblico che potrebbe essere anche il tuo? Non conosci i tuoi margini di miglioramento?

Inizia a studiare i tuoi competitor online

Contattaci